Tantra Classico vs Neo-Tantra

Qual’è la Differenza?

Tantra Classico contro Neo-Tantra: in questi giorni, non puoi fare tre metri in una comunità spirituale senza imbatterti in qualcosa etichettato come tantra. Eppure sembra esserci molta confusione su cosa sia in realtà il tantra. La maggior parte dei seminari e dei corsi che abbiamo visto non sembrano avere molto in comune con il tantra classico, così come è stato praticato per secoli.

Non voglio insinuare che questo “neo-tantra” sia cattivo o sbagliato, ma è importante fare chiarezza, in modo che, se stai cercando un percorso più tradizionale e con un’impronta esoterica e spirituale, non finirai per perderti in tutte le altre opzioni.

Lignaggio

Il neo-tantra, come suggerisce il nome, è uno sviluppo recente. Sotto questo ombrello chiunque può etichettarsi come un insegnante di Tantra, indipendentemente dalla propria esperienza o connessione con un genuino lignaggio tantrico.

Quindi il neo-tantra finisce per essere una miscela di alcuni concetti superficiali del tantra tradizionale, mescolati con la psicologia moderna, elementi sciamanici e molte altre pratiche tratte da modalità di guarigione recentemente sviluppate.

Il tantra classico veniva tradizionalmente tramandato da insegnante a studente. Una formazione rigorosa  assicurava che il messaggio e le tecniche essenziali fossero preservati per molte generazioni.

Con una pratica intensa, gli yogi tantrici scoprirono quali tecniche funzionavano bene e quali no. Quindi, se hai iniziato a studiare con un insegnante di un lignaggio consolidato, sei quasi sicuro di essere stato indirizzato nella giusta direzione.

Con le pratiche più recenti, non sai davvero in cosa ti stai cacciando, perché non è stato testato.

Pratiche

Il tantra classico riguarda la pratica, la pratica e ancora la pratica! Ci vuole molta presenza e controllo dell’energia per essere in grado di lavorare con le forze intense che vengono invocate nella sadhana tantrica. (L’energia sessuale, ad esempio, è un’energia molto intensa da maneggiare).

La meditazione e l’hatha yoga sono il pane quotidiano di uno yogi tantrico. Attraverso i rituali e l’uso di mantra e yantra si creano connessioni con energie cosmiche ed universali. È un percorso che richiede impegno, maturità e raffinata consapevolezza. Questo non accade dall’oggi al domani, ma con una pratica costante che richiede molti mesi se non anni.

Al contrario, il neo-tantra è generalmente piuttosto fluido. Il profondo insegnamento tantrico che tutto è divino viene interpretato erroneamente, e la cosa che basta “fluire con il tutto” viene usata come scusa per sfuggire alla disciplina della pratica. Questo è un punto davvero importante, scriverò  un un altro post sul blog perché c’è molto da dire.

Come ho già detto, quello che troverai negli insegnamenti neo-tantrici è generalmente un miscuglio. Un po’ di yoga, un po’ di “respirazione”, qualche esercizio psicologico, magari un rituale che l’insegnante ha inventato nel weekend…

Nessun motivo per non provarlo se questo ti chiama! Sappi solo che se vuoi accedere ad una profonda trasformazione di te stesso, dovrai metterci dell’olio di gomito.

Sessualità

Per la maggior parte degli occidentali, “tantra” è solo una parola spirituale di fantasia per il sesso!

Questo approccio è tipico del neo-tantra. La maggior parte delle persone che affermano di essere insegnanti di tantra oggi sono più simili a terapisti sessuali o guaritori sessuali, il che di per sé va bene ed è anche utile e molto necessario, ma abbastanza lontano dal tantra come veniva praticato tradizionalmente.

La sessualità è solo un elemento del tantra classico. L’uso dell’energia sessuale e di altre pratiche tabù era semplicemente ciò che distingueva il tantra dai percorsi spirituali e religiosi più conservatori e socialmente accettabili in India e in Tibet.

Nel tantra classico, fai l’amore per trovare Dio. Guardando la scena spirituale di oggi, potresti dire che nel neo-tantra cerchi di trovare Dio per fare del buon sesso!

Intenzione

Il neo-tantra si sviluppa principalmente sul piano “orizzontale”. Si tratta principalmente di guarigione, ricerca di connessioni con altre persone e miglioramento della vita terrena. Sebbene si possa parlare molto di chakra ed energie, e qualche vaga idea del Divino o dell’Universo, essenzialmente viene da una prospettiva personale e mira a questo.

Ci sono pochissime indicazioni verso la trascendenza, verso quella dissoluzione di tutti i concetti e le strutture dell’Io che porta effettivamente all’unione con il Divino.

Nel tantra classico, questo è il punto! Controllo dell’energia, guarigione di traumi, avere una relazione sana o qualsiasi altra cosa possa accadere sul sentiero… è tutto perfetto. Ma ciò che veramente conta è andare alla Verità, quella luce della Coscienza in cui tutto si dissolve.

Nessuna prospettiva è migliore o peggiore dell’altra. Non è sbagliato interessarsi allo sviluppo personale o alla guarigione! L’unica cosa è avere la chiarezza e l’autenticità per riconoscere la propria intenzione e impegnarsi in essa, lasciando spazio a una maggiore profondità se questo è ciò che la vita ti offre.

La nostra vera natura è spirituale, quindi quando hai vissuto questa esperienza umana nella sua pienezza abbastanza a lungo, potresti scoprire che qualcos’altro diventa più importante. Ma questo cambiamento non avviene perché vuoi apparire in un certo modo o essere diverso da te. Deve venire da dentro, da una vera vocazione del cuore.

ARTICOLI SUGGERITI

alt=""
Buddha Samantabhadra thangka

EBook gratuito:

Guida al percorso autentico del Tantra:
La via verso la Beatitudine Suprema

Impara i principi fondamentali del Tantra

Ciao, sono Marco e Amita.

Vorremmo darti la nostra guida tantrica gratuita da scaricare.

Inserisci il tuo indirizzo email qui sotto e riceverai la guida nella tua casella di posta elettronica.