Il tantra dà grande importanza alla sessualità. Sia che si pratichi con un partner in carne ed ossa, come nel tantra della mano sinistra, sia nel sentiero più ritualistico della mano destra.
Una grande parte della pratica tantrica sta nell’imparare a lavorare con l’energia sessuale per dirigerla, sublimarla, armonizzarla ed esprimerla in modo sacro. Con questa pratica, la sessualità può diventare un incredibile catalizzatore per la trasformazione, accelerando la tua evoluzione spirituale come nient’altro.
Questa nuova prospettiva rappresenta un cambiamento sorprendente e liberatorio rispetto alla visione comune in cui sessualità e spiritualità sono opposte! Eppure, a causa della sua incredibile intensità, il sesso può sembrare comunque un argomento complesso.
Così tanti praticanti alle prime armi potrebbero chiedersi: “posso ancora fare sesso occasionale se voglio essere un tantrika?” Oppure addio alle avventure di una notte, ‘scopamici’ e tutto il resto?
La realtà, come al solito, è più complicata di una risposta in bianco e nero, sì o no. Esploriamo entrambi i lati e potrai trarre le tue conclusioni.

No, il sesso occasionale non può essere tantrico

Ci sono alcuni motivi per cui la sessualità tantrica va contro la “cultura del fast food” che prevale molti incontri sessuali casuali.

  • Sacralità contro edonismo

Nel tantra, il sesso è sacro. È visto come una rappresentazione del gioco divino tra coscienza ed energia, separazione ed unione e come uno dei percorsi più potenti e diretti verso l’esperienza mistica.

I tantrici hanno sempre tenuto la sessualità in grande rispetto, comprendendo anche che l’energia sessuale è estremamente potente e volatile e deve essere trattata con cura perché sia ​​una forza positiva per l’evoluzione. Tradizionalmente, la sessualità tantrica si svolgeva spesso in un contesto rituale, dove l’intenzione e la consacrazione al Divino dei praticanti potevano incanalare in sicurezza un potere così intenso.
Contrariamente alla credenza moderna popolare, il tantra tradizionale non era solo una forma di edonismo mascherato. Piuttosto che andare in giro alla ricerca di un’esperienza piacevole dopo l’altra, la visione tantrica consiste nell’usare il piacere (o in realtà qualsiasi esperienza, sensoriale o emotiva) per contattare quella beatitudine del puro Essere, che è al di là del bisogno di qualsiasi oggetto di piacere.
Era considerato il sentiero più pericoloso, rispetto alla pratica ascetica, perché senza sufficiente consapevolezza e maturità spirituale, è molto facile confondere i mezzi per il fine: perdersi nel piacere, nel seguire i desideri e dimenticare il desiderio di trascendenza che si trova in ogni desiderio.
Quindi il sesso occasionale – solo per piacere e privo del contenitore della consacrazione o di un contesto rituale – è quasi per definizione l’opposto della sessualità tantrica.

  • Fare attenzione alle energie con cui ci si mescola

Poiché l’energia sessuale ha così tanto significato nel tantra della mano sinistra, prendersi cura di questa energia – purificare le tendenze subconsce nell’area della  sessualità – assume un’importanza vitale.
In ogni incontro sessuale c’è uno scambio di energia. Ciò è particolarmente rilevante per le donne, poiché il partner “yin” più ricettivo tende naturalmente ad assorbire e trattenere più impronte dal partner “yang”.
Questo è bello e può essere molto positivo! Tuttavia, se fai l’amore con qualcuno che non conosci così bene, potresti finire per portare delle impronte che non sono così armoniose, e queste possono richiedere del tempo per rischiararsi. (Magari non anni interi ma di certo tutto il tempo in cui senti che l’energia di quell’altra persona è viva dentro di te.)
Man mano che approfondisci il percorso dello yoga e del tantra, diventando più sensibile alle energie sottili, le impronte raccolte da qualcuno che fuma, beve alcolici o porta molte emozioni negative possono essere disturbanti.

  • Amore e impegno

In definitiva, la sessualità tantrica non riguarda solo il movimento di energia, che può accadere in qualsiasi situazione. Si tratta di amore.
I risultati duraturi della pratica provengono dall’impegno, dall’intimità e dal senso di resa che possono venire solo con profondo amore e fiducia.
Alcuni incontri o esperienze passeggere, non importa quanto intense possano essere, sono solo trampolini di lancio o finestre su ciò che è possibile. Il vero lavoro per le coppie tantriche si svolge nel tempo, con un impegno condiviso a lungo nella pratica e tra di loro.

Sì, il sesso occasionale può essere tantrico

Il rovescio della medaglia: possiamo iniziare con l’idea che la sessualità stessa è sacra in qualsiasi forma (con il consenso e il piacere di tutti i soggetti coinvolti). È solo il tuo atteggiamento nei confronti del sesso che lo fa sembrare vergognoso o sublime.
Il sesso può essere tenero, intenso, giocoso, vivace, imbarazzante, meditativo o di qualsiasi sapore. Quella dimensione sacra è ancora lì, finché tu sei presente per riconoscerla.
Un altro elemento da considerare è che le relazioni possono essere profonde anche se non durano molto a lungo, magari anche solo per una notte.
L’idea, profondamente radicata nella nostra cultura, della persona perfetta che ti completerà e ti soddisferà in ogni modo, per tutta la tua vita, dandole un significato.
È una bella idea, che può assumere una facciata spirituale sotto l’etichetta “anima gemella”. Ma è un’idea più adatta alle favole che alla vita reale.
In realtà, nessun’altra persona ti completerà mai. Devi completare te stesso.
È vero che alcune relazioni hanno una profondità, una risonanza karmica, che sembra andare oltre la tua stessa vita. Ma la profondità di una relazione non può essere misurata solo nella quantità di tempo in cui si sta insieme o nella forma che assume quella relazione.
Puoi trascorrere anni in una relazione monogama impegnata che rimane superficiale, un “matrimonio di convenienza” o di conforto.
Oppure una sola notte con qualcuno, in cui le vostre anime possono toccarsi in un modo che vi lascia entrambi trasformati.
Ciò che conta nella sessualità tantrica è l’unione di Shiva e Shakti, non degli individui: vedere il divino nell’altra persona, non importa chi sia o quale sia la  relazione che vi collega a livello personale.
Superando ogni attaccamento al mito dell ‘”anima gemella”, puoi scoprire che tutti quelli che incontri sono insegnanti e compagni sulla strada, sia che camminiate insieme per molto tempo o solo pochi passi.
Quindi, con un riconoscimento della sacralità, una volontà di andare veramente oltre i propri limiti e incontrare l’Infinito nella forma di un essere umano, qualsiasi incontro sessuale può diventare una pratica tantrica. Solo allora, quel sesso occasionale non è più solo “casuale”.

Lascia un commento

AUM Tantra Yoga
Accademia Tantrica

RYS-200  yacep

Seguici!

AUM Tantra Yoga © 2021 Tutti i diritti riservati