Bypass Spirituale: Comprendere i Pericoli dell’Evitare il Dolore Emotivo

Usare la Spiritualità per evitare di affrontare Problemi Irrisolti

Il bypass spirituale è un termine usato per descrivere l’uso di pratiche o credenze spirituali per evitare di affrontare il dolore emotivo o il trauma.

Mentre la spiritualità può essere un potente strumento per la crescita personale e la guarigione, può anche essere usata come un modo per evitare di affrontare emozioni ed esperienze difficili. Questo può portare a problemi più profondi e alla mancanza di una vera crescita personale anche se c’è una chiara sensazione di essere stato “spirituale” e buono.

Il concetto di bypass spirituale è stato introdotto per la prima volta da John Welwood, uno psicoterapeuta e insegnante bhuddista. Ha osservato che molte persone usano pratiche spirituali, come la meditazione e la guarigione spirituale, come un modo per evitare di affrontare il loro dolore emotivo. Si può credere che concentrandosi sulla crescita spirituale, si possano aggirare i problemi emotivi e diventare illuminati senza dover affrontare le parte inferiori di se stessi.

Tuttavia, questo approccio può effettivamente impedire la vera crescita spirituale e la guarigione. Le emozioni sono una parte importante dell’esperienza umana ed evitarle inconsciamente può portare a sentimenti repressi, traumi irrisolti e mancanza di consapevolezza di sé.

Senso di Realizzazione Spirituale

Uno dei pericoli del bypass spirituale è che può portare a un falso senso di realizzazione spirituale.

Quando qualcuno usa la spiritualità per evitare il proprio dolore emotivo, può credere di aver raggiunto un alto livello di comprensione spirituale. In realtà, tuttavia, non hanno veramente affrontato ed elaborato le proprie emozioni, e quindi non hanno raggiunto una vera crescita spirituale a causa della falsa convinzione che la spiritualità riguardi l’avere grandi esperienze di picco e questa percezione superficiale di “amore e luce”.

Ho osservato questi comportamenti paradossalmente di più nelle cosiddette “comunità spirituali”, cariche di tonnellate di pratiche new-age che non hanno alcun legame con insegnamenti spirituali autentici e autorevoli, dove l’”ego spirituale” è gonfiato dal fatto che basta essere vegani , ecologici, sciamanici ecc.

Un vero percorso spirituale implica impegno nella pratica, profonda consapevolezza di sé e l’umiltà di non dare per scontato che l’evoluzione avvenga senza affrontare i propri limiti umani.

Vera Empatia e Compassione

Un altro pericolo è che il bypass spirituale può portare a una mancanza di vera empatia e compassione per gli altri.

Quando qualcuno usa la spiritualità per evitare il proprio dolore emotivo, potrebbe non essere in grado di comprendere veramente e connettersi con le difficoltà degli altri, spesso questo è velato dal falso stato di “siamo tutti uno”, mentre la vera esperienza non duale passa attraverso una profonda empatia e un genuino distacco dall’illusione di essere qualcosa.

Ciò può portare a una mancanza di vera compassione e a una disconnessione inconscia dagli altri, spesso mascherata dall’appartenenza a una specifica “tribù spirituale” che potrebbe essere nient’altro che far parte di una setta.

Affrontare ed Elaborare le proprie Emozioni

Per evitare il bypass spirituale, è importante essere onesti con se stessi riguardo al proprio stato emotivo ed essere disposti ad affrontare ed elaborare le proprie emozioni.

È anche importante lavorare con un terapista esperto o un insegnante spirituale che possa aiutarti a guidarti in un approccio sano e olistico alla crescita personale e alla guarigione.

Sii consapevole delle centinaia di guaritori inesperti che spuntano ogni giorno come funghi, che possono guidarti nella direzione sbagliata e creare ancora più confusione.

Consigli su come evitare il Bypass Spirituale

In conclusione, il bypass spirituale può essere una trappola pericolosa per coloro che cercano una vera crescita spirituale e guarigione, specialmente nel moderno supermercato della spiritualità.

Evitando dolori emotivi e traumi, le persone potrebbero non essere in grado di raggiungere la vera realizzazione spirituale e potrebbero persino causare più danni che benefici.

Vi ricordo quindi alcuni punti importanti:

  • Coltiva la tua consapevolezza quotidiana, osservando con distacco i tuoi comportamenti e le tue convinzioni.
  • Abbraccia le tue emozioni diventando consapevole delle proiezioni della tua personalità.
  • Se pensi di non riuscire ad attraversare qualche dolore profondo, chiedi l’aiuto di un terapeuta esperto che possa aiutarti nel percorso, ma ricorda che solo tu puoi affrontare quelle ferite e integrarle finalmente nella tua esistenza.
  • Continua con le tue autentiche pratiche spirituali come la meditazione, lo yoga tradizionale/tantra, ecc. ma ricorda che spesso è necessario che il lavoro sulla personalità vada in parallelo con il tuo sadhana spirituale. D’altra parte, le persone possono trascorrere l’intera vita con pratiche di guarigione superficiali con il rischio di concludere questa esistenza terrena con tante cose ancora da sistemare e aver perso poi la grande opportunità della realizzazione spirituale.

Se vuoi conoscere di più riguardo ai nostri corsi autentici puoi guardare il nostro curriculum online.

La vera trascendenza avviene solo quando l’intero spettro della tua personalità è armoniosamente integrato e trasformato nella rivelazione della tua intrinseca Natura Divina.

Con Amore,
Marco

ARTICOLI SUGGERITI

alt=""
Buddha Samantabhadra thangka

EBook gratuito:

Guida al percorso autentico del Tantra:
La via verso la Beatitudine Suprema

Impara i principi fondamentali del Tantra

Ciao, sono Marco e Amita.

Vorremmo darti la nostra guida tantrica gratuita da scaricare.

Inserisci il tuo indirizzo email qui sotto e riceverai la guida nella tua casella di posta elettronica.