Che cos’è il “tantra autentico?”

Cosa significa veramente dire che qualcosa è (o non è) “tantra autentico?” O più in generale “spiritualità autentica” ?
Prima di poter chiamare un percorso o una pratica “autentico”, dovremmo guardare alla sua fonte e al suo obiettivo.
Questo non vuol dire che tutto il vecchio sia buono e tutto il nuovo sia cattivo. Dopo tutto, gli antichi lignaggi più venerabili erano nuovi una volta!
La stessa saggezza che parlò attraverso Krishna, Buddha e Cristo è viva e parla ora, per coloro che hanno orecchie per ascoltare. Molti grandi esseri illuminati hanno vissuto e insegnato negli ultimi cento anni, aggiungendo le loro voci e offrendo pratiche che si adattano alle tendenze dei loro tempi. Lo yoga continua a crescere ed evolversi.
Tuttavia, è un po ‘più sicuro affidarsi a un percorso che è stato provato e testato nel corso dei secoli. Quando qualcuno si fa avanti con le proprie invenzioni – ed insegnanti come questi ce ne sono a dozzine di questi tempi – forse quello che stanno offrendo è fantastico e funziona davvero, o forse non lo è. E a meno che tu non sia già ad un livello di pratica piuttosto elevato, può essere difficile discernere fin dall’inizio.
Ecco alcune regole pratiche per valutare un percorso nuovo e moderno:

  • È in linea con gli insegnamenti tradizionali? (Non necessariamente in forma esteriore ma nello spirito e nel messaggio centrale)
  • Riesce ad andare oltre se stesso, punta alla non concettualità, o porta solo più storie e credenze?
  • Crea in te una risonanza profonda, un’eco di sacralità?
  • Mira veramente alla verità più elevata.

Questo a volte non è così ovvio. Anche nello yoga tantrico, una vera scienza della liberazione, affinata nel corso dei secoli, sono possibili così tanti effetti secondari che è facile scambiarli per l’obiettivo. Ma se il fuoco dell’aspirazione arde dentro di te e ti permetti di ascoltarlo, allora sarai in grado di sentire intuitivamente quando avrai trovato qualcosa di reale.

Autenticità verso te stesso: la pietra miliare del percorso spirituale

Il vero lavoro spirituale inizia sempre con una radicale onestà verso di sé.
Dobbiamo tutti iniziare da dove siamo. Non aiuterà te o nessun altro fingere di essere ciò che non sei. Non puoi fare progressi in questo modo, se non riconosci i tuoi limiti e puoi finire in una sorta di doppia personalità o “ego spirituale” dove all’esterno tutto sembra così illuminato e bello, mentre all’interno … Non così tanto.
Dentro di te non c’è solo luce, c’è anche oscurità e se non vai volontariamente ad esplorarla, prima o poi quella corrente di incoscienza farà conoscere la sua presenza.
Nel regno della personalità c’è sempre del lavoro da fare. Tendenze da purificare e armonizzare, contrazioni da sciogliere, atteggiamenti da coltivare …
L’imperfezione è un dato di fatto. Dobbiamo essere in grado di guardarla. Allo stesso tempo, la perfezione è già lì. La forma è assolutamente perfetta in ogni momento, una manifestazione di quell’essenza che è al di là del bene e del male, al di là del tempo e al di là di ogni necessità di migliorarsi.
Qui dobbiamo stare attenti a non incombere in un bypass spirituale. Tante volte ho sentito persone usare frasi forti come “Sono solo fedele a me stesso” o “Tutto è già perfetto” come scusa per continuare a comportarsi in modo dannoso per gli altri.
Questo è ciò che accade quando si cerca di portare una realtà oltre la comprensione e di ridurla a qualcosa che la mente può afferrare. Perdiamo il sacro paradosso, la danza del samsara e del nirvana, la sofferenza e la beatitudine, la rottura e l’interezza, che quando intrecciate insieme formano il tessuto della realtà stessa.
Sii fedele a te stesso, sì. Ma quale sé: il sé limitato corpo-mente-ego che reagisce solo secondo i suoi schemi condizionanti e subconsci? O il tuo vero Sé, quello spazio di infinita libertà e consapevolezza?
Seguire la guida di questo vero Sé potrebbe indurti ad agire contro gli impulsi del tuo “sé” limitato. Dovrai andare oltre i modelli e le tendenze che hanno modellato il tuo comportamento per tutta la tua vita, e questo può essere difficile, per usare un eufemismo. Ma è il modo per vivere nell’autenticità, nell’integrità con il tuo cuore.

Autenticità nelle relazioni

Devi essere onesto e fedele a te stesso prima di poter relazionarti autenticamente con un’altra persona. Ma una volta stabilita quella linea di base, le relazioni intime (sia con amici, partner o familiari) sono incredibilmente preziose lungo il cammino.
Sappiamo tutti che non possiamo nascondere nulla alle persone a cui siamo davvero vicini, ma ci proviamo ancora! Così tante relazioni si trascinano in una sorta di illusione condivisa, con entrambi i partner che indossano la maschera di ciò che pensano che piacerà all’altro, in silenzioso accordo di non guardare ciò che non si adatta alle storie che hanno l’uno dell’altro, finché alla fine entrambe le parti si stancano del gioco o qualcosa viene fuori così drammaticamente che la facciata si spacca.
Una relazione tantrica è l’opposto di questo. È uno spazio in cui entrambi i partner si rispecchiano e si sostengono a vicenda nel rimuovere le maschere e gli strati, finché tutto ciò che rimane è la nuda verità, che può essere solo amore.
Ovviamente, questo non è sempre facile o comodo e non accade dall’oggi al domani. È il viaggio di una vita, andare sempre più in profondità e perfezionarsi sempre di più fino a quando non possiamo incontrare il mondo in totale semplicità.

Lascia un commento

AUM Tantra Yoga
Accademia Tantrica

RYS-200  yacep

Seguici!

AUM Tantra Yoga © 2021 Tutti i diritti riservati